Presentazione

/Presentazione
Presentazione mcf 2018-04-26T10:05:29+00:00

Pietro Bonfilio

Pianista e Direttore Artistico

Cari amici, la settima edizione del Festival sarà quest’anno ancora più ricca di contenuti e di appuntamenti e coprirà un arco di tempo che va da maggio a dicembre con numerosissimi concerti di raffinata qualità artistica. Le novità di quest’anno sono di maggior apertura verso altre sfere dell’arte e della cultura. Il cartellone offre come ogni anno il presente e il futuro dell’Arte: Morellino Classica Festival è l’occasione per ascoltare i grandi nomi del panorama musicale internazionale e i talentuosi giovani che ne rappresentano l’avvenire.

Un ventaglio di proposte abbraccerà la musica Antica, Barocca, Sinfonica, da Camera, Lirica, Contemporanea, Jazz offrendo all’ascolto e al coinvolgimento i vari aspetti di connessione storico-musicale con la Letteratura, la Pittura, il Teatro ma anche attraverso forum sull’innovazione tecnologica applicata ai Beni Culturali e al Paesaggio, così come avvenne lo scorso anno per l’enologia e la coltivazione dei vigneti e la salvaguardia dell’ambiente.

Nuovi luoghi di straordinario fascino come Castello di Potentino, Azienda Val delle Rose, Piazza Castello di Montemerano, Cassero Senese di Roccalbegna, Piazza del Duomo di Massa Marittima, Cava di Montemerano-Saturnia, si aggiungeranno agli altri già consolidati. Il Festival è un itinerario incantevole che unisce la bellezza della grande musica allo splendore della natura, al mistero dell’archeologia dei siti Etruschi, al fascino della storia dei castelli, chiese, conventi, teatri, casseri, antiche e nobili tenute della Maremma e alle prestigiose case vinicole della Toscana.

L’unicità del nostro territorio ci stimola a fare sempre di più e meglio attraverso la musica, perché è incommensurabile il beneficio che essa reca agli uomini e duraturo è il benessere che rende al territorio, riqualificandolo.

Pietro Bonfilio

Antonio Bonfilio

Direttore Responsabile

S

iamo molto felici di ciò che ci sta riservando il festival e orgogliosi delle collaborazioni raggiunte quest’anno, più degli altri anni, segno questo che l’interesse cresce sempre di più per la qualità e l’originalità delle nostre proposte. La RAI, la stampa nazionale, i principali luoghi del mondo musicale e le aziende più rappresentative del Morellino hanno inteso premiare l’idea musica-natura-vino e anche la nostra audacia iniziale coincisa con una situazione economica nazionale tra le meno favorevoli alla cultura e alla musica. Per questo vorrei ringraziare con tutto il cuore ogni singolo abbonato, ogni singolo sostenitore, ogni singolo spettatore, le Istituzioni Musicali, i Comuni, gli Sponsor e soprattutto i due principali sostenitori: Banca TEMA Credito Cooperativo e Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano, che hanno creduto e continuano a credere nella bontà del progetto Morellino Classica sostenendoci fin dalla prima edizione.

Inoltre si rafforzano collaborazioni e si registrano nuove partnership anche con aziende di settori diversi dal vitivinicolo.

Per il settore culturale, l’accordo di collaborazione con il Cidim – Comitato Nazionale Italiano Musica di Roma membro dell’IMC – International Music Council, Organizzazione Internazionale Non Governativa dell’UNESCO – ci rende orgogliosi per l’attenzione e l’interesse che questa storica istituzione musicale ha voluto riservare alla nostra rassegna. Continua inoltre la proficua intesa artistica con la Scuola di Musica di Fiesole, con il Conservatorio di Milano e con il Conservatorio di Siena che si sono già aggiunte alle collaborazioni con Georg Solti Academy di Londra e Accademia Chigiana di Siena.

Apparentemente singolare ma perfettamente in linea con le collaborazioni extra musicali, così come è avvenuto lo scorso anno con la “tre giorni Maremma meets Bordeaux”, anche quest’anno saremo partner del meeting-conferenza-concerto “La Geomatica e la Conservazione applicata ai Beni Culturali e al Paesaggio” con relatori provenienti dai siti archeologici di Pompei, Napoli, Taranto, Lecce e docenti universitari di alcune città d’arte italiane.

Nuovi affascinanti luoghi amplieranno la geografia del Festival: la maestosa Cava di Montemerano-Saturnia e la mirabile Piazza del Duomo di Massa Marittima. Si apriranno anche quest’anno per accogliere la musica i portali secolari di preziosi luoghi di culto nel territorio dei sette Comuni del Morellino e oltre, 15 diversi palcoscenici per un totale di 25 concerti.

Il Festival, a conclusione di un percorso fatto di musica, incontri, sapori e di mille altre esperienze tra le dolci colline che dall’Amiata vanno verso il mare, chiuderà la stagione estiva il 2 settembre al Teatro Castagnoli di Scansano con un programma di pregevole triplice valenza artistica tra musica, letteratura e teatro. Il festival però non finisce qui, riprenderà il suo cammino in musica per gli usuali appuntamenti autunno-inverno, già da ottobre sino ai concerti di Natale e di Fine Anno.

Anche per questa edizione, per dare ampia possibilità di partecipazione specialmente ai giovani, abbiamo deciso di non aumentare il prezzo dei biglietti e di mantenere l’ingresso libero per oltre la metà dei concerti (13 su 24). Un sforzo non indifferente per l’organizzazione che spero venga premiato con una sempre più ampia e assidua partecipazione alla nostra rassegna. Nel ringraziarvi sentitamente vi aspetto con gioia

Antonio Bonfilio

Francesco Marchi

Sindaco di Scansano

Elisabetta Tollapi

Assessore alla Cultura, Comune di Scansano

L’Amministrazione Comunale di Scansano è orgogliosa di ospitare il Morellino Classica Festival. Un Festival che, oltre a portare in Maremma i maggiori interpreti europei e mondiali della musica classica, riesce con sapienza ad intrecciare la bellezza della musica classica a quella del paesaggio, dell’arte, della storia, della cultura e della tradizione del nostro splendido territorio.

Uno sguardo a tutto tondo nei dolci e aspri paesaggi maremmani, così come completa e profonda è l’immersione nell’arte, ma anche sapienza enologica, in un viaggio “dal Morellino al mondo” attraverso la musica. Anche in quest’edizione il Teatro Castagnoli, fiore all’occhiello della comunità scansanese, sarà il palcoscenico principe, con le sue peculiarità architettoniche di fine ottocento e lo stile liberty che lo rende un unicum d’incomparabile bellezza in tutta la provincia di Grosseto.

Come amministratori non possiamo che esprimere sincera gratitudine al Direttore Artistico e grandissimo musicista Pietro Bonfilio che ha fortemente voluto questo festival, scommettendo nella potenza e nella magia della musica come occasione trainante di crescita per il nostro territorio, dandogli così un’impronta nuova ed ampliando l’offerta culturale e turistica. Ci piacerebbe che in un futuro recente il nostro borgo possa essere denominato “Scansano: Città del Vino, dell’Olio e della Musica.

Elisabetta Tollapi

Rossano Teglielli

Presidente Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano

I

l Consorzio del Morellino di Scansano è felice ed orgoglioso di supportare Morellino Classica Festival e contribuire a creare sinergie sul territorio, affinché le peculiarità siano valorizzate attraverso un lavoro di squadra.

Il successo del Morellino di Scansano è legato indissolubilmente alla propria terra, la Maremma; valorizzare il nostro territorio e le nostre eccellenze è il comune denominatore che ci unisce al Festival, che ha un importante ruolo nel comunicare le bellezze e le caratteristiche della Maremma, essendo ormai un appuntamento di grande rilievo nel panorama musicale italiano e internazionale ed una bellissima vetrina per presentare una Toscana meno conosciuta, ma dalle eccezionali potenzialità.

Rossano Teglielli

 

“La musica è la parola di Dio che tu senti nella forma del suono… c’è un posto dov’è Dio?
C’è un posto dov’è la musica? Dio è dappertutto, la musica è dappertutto.
Quando vai fuori vedi le cose che ti guardano, che ti parlano, quello è Dio.
Lo puoi prendere Dio? La puoi prendere la musica?
La possiamo sentire… Io la sento e mi ferma il cuore per ascoltarla.
Così Dio mi ferma il cuore per farsi ascoltare.”
Lidia Zicarelli